Perché si devono curare i denti da latte

Conosco tanti genitori convinti che curare i denti da latte non porti alcun beneficio.  “Tanto cadono e lasciano il posto a un altro dente” – continuano a ripetermi. In effetti, a volte può anche essere giusto togliere il dentino cariato per far nascere prima il dente permanente, ma non è sempre così.

In passato i denti da latte non si curavano mai, se erano cariati si toglievano perché venivano considerati elementi di transito. Ma non siamo più nell’età della pietra. E aggiungo per fortuna.

Oggi, tutte le ricerche sono concordi nell’affermare che la presenza dei denti da latte è fondamentale per la crescita e lo sviluppo delle arcate dentali. I denti da latte servono a tenere lo spazio per i denti permanenti. Per questo vanno curati con molta attenzione.

Se c’è una grossa carie e decido di estrarre il dente da latte, devo essere sicura che il dente che sta per nascere sia “pronto”. Se il dente permanente è ancora “immaturo” togliere il dente da latte può portare a movimenti imprevedibili del dente permanente che può nascere in ritardo e in una posizione sbagliata. Inoltre se non si utilizzano i giusti apparecchi, si rischia di perdere dello spazio “prezioso”.

Ed è proprio in questi casi che lo specialista in ortodonzia dopo un’attenta valutazione decide se prescrivere la cura e il ripristino delle funzioni del dente oppure l’estrazione.

Ti faccio un breve elenco delle considerazioni che facciamo noi in questi casi.

Valutiamo:

  • il livello di collaborazione del bambino
  • la sua età
  • lo stadio di sviluppo del dente permanente
  • il grado di distruzione del dente da latte
  • il livello di infiammazione
  • lo stato complessivo della crescita

Come avrai intuito anche tu ci sono tante cose da osservare nel caso di dente da latte cariato (e non te le ho dette tutte…). Il miglior modo di prevenire tutto questo è di rivolgersi sempre allo specialista in ortodonzia oppure al pediatra, perché sono entrambi considerati figure chiave per la salute orale dell’infanzia.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *